Skip to main content

“Il Viaggio della Costituzione” arriva ad Aosta

Non categorizzato - 6 Febbraio 2018

In occasione del 70° Anniversario della Carta Costituzionale, la Presidenza del Consiglio dei Ministri promuove un tour di dodici tappe per tracciare un percorso simbolico tra la nascita della Repubblica e i nostri giorni

Aosta, 5 febbraio 2018 – “Il Viaggio della Costituzione” raggiunge Aosta, sesta delle dodici città ad ospitare la mostra itinerante sulla Carta Costituzionale. Il capoluogo valdostano sarà protagonista del progetto promosso dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e coordinato dalla Struttura di Missione per gli Anniversari di interesse nazionale dal 5 al 17 febbraio.

La conferenza inaugurale si è tenuta oggi, nel Salone Ducale dell’Hôtel de Ville di Aosta, alla presenza del membro del Comitato storico scientifico per gli Anniversari di interesse nazionale Walter Barberis, del Sindaco Fulvio Centoz e del Presidente della Regione Laurent Viérin.

“Siamo onorati che la Valle d’Aosta e la Città di Aosta siano state scelte come tappa del Viaggio della Costituzione – dichiara il Presidente della Regione, Laurent Viérin – e abbiamo colto l’occasione per anticipare anche il 70 ° anniversario della promulgazione dello Statuto Speciale per la Valle d’Aosta. Nella saletta attigua alla Sala Maria Ida Viglino la comunità potrà prendere visione di alcuni momenti e documenti cardine della storia dell’Autonomia della Valle d’Aosta. E’ importante rendere partecipe la cittadinanza e, in particolare, i giovani attraverso un approfondimento della conoscenza dei principi che regolamentano la democrazia e delle norme sulle quali si fonda il nostro essere Regione a Statuto speciale e sulle quali abbiamo tracciato il nostro passato e possiamo costruire il nostro futuro”.

La tappa nella città di Aosta è dedicata al sesto articolo della Costituzione – “La Repubblica tutela con apposite norme le minoranze linguistiche” – e introduce un’occasione di dialogo sul tema “Minoranza linguistica”.

A ciascuna delle città sono associati uno dei primi dodici articoli, recanti i principi fondamentali, e il tema cardine ad esso ispirato. Lo scopo è quello di promuovere occasioni di confronto utili a guidare studenti e cittadini nella comprensione del valore storico e culturale della Carta Costituzionale.

“La storia, nel corso dei secoli, ha visto popolazioni con proprie specificità culturali sottostare al dettato di potenze occupanti. Le stesse frontiere interne all’Europa si sono mosse fra Otto e Novecento, esponendo città e regioni a costrizioni amministrative e a espropri culturali. La Costituzione italiana ha riconosciuto come fattore di garanzia e di crescita democratica la salvaguardia della lingua e dei patrimoni culturali delle minoranze. Oggi, come ieri, questa tutela delle diversità nel quadro unitario della vita nazionale è un principio fondamentale” dichiara Walter Barberis.

La mostra itinerante sulla Costituzione, a ingresso libero, è arricchita da approfondimenti grafici e multimediali: filmati storici, frasi celebri di personaggi chiave, commenti audio ai 12 articoli fondamentali affidati alle parole di Roberto Benigni. Al termine del percorso, i visitatori potranno rinnovare la propria adesione alla Carta Costituzionale con un atto simbolico: l’apposizione di una firma “virtuale” accanto a quella dei Padri Costituenti. Nella città di Aosta la mostra sarà visitabile dal 5 al 17 febbraio, dalle 9 alle 18 (fatta eccezione per il 5 febbraio, dalle 14 alle 18, e per il 17 febbraio, dalle 9 alle 13) presso la Sala Maria Ida Viglino di Palazzo Regionale. A corollario, nella saletta attigua, sarà allestita l’esposizione “Alle origini dell’Autonomia”, dedicata alla storia dell’Autonomia valdostana a cura dell’Amministrazione regionale.

“Per la nostra città essere stati inseriti nel ristretto circuito del “Viaggio della Costituzione” – dice il Sindaco della città di Aosta, Fulvio Centoz - costituisce motivo di orgoglio e di vanto sia per l’importanza del progetto (che origina direttamente dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri) sia per la riconosciuta qualità complessiva della proposta culturale e scientifica che lo contraddistingue. I valori costituzionali che la mostra itinerante e l’evento collegato intendono rappresentare e divulgare, soprattutto nei confronti delle giovani generazioni, restano e devono rimanere la pietra angolare della nostra idea di comunità come la base del nostro vivere insieme, a cominciare dal riconoscimento e dalla valorizzazione - come nel caso della nostra città e, più in generale della nostra regione - del particolarismo che ci caratterizza, e che è il frutto della nostra storia millenaria”.

Il tema “Minoranza linguistica”, associato a questa sesta tappa, sarà approfondito il 15 febbraio, alle ore 16.00, nell’Aula Magna Sant’Anselmo dell’Università della Valle d’Aosta, all’interno dell’incontro valdostano dei “Dialoghi sulla Costituzione”: un ciclo di lezioni, a cura di Editori Laterza, strutturate nella forma di un dibattito tra un giurista e un ricercatore di altra materia, e coordinati da un giornalista. Interverranno Paolo Carrozza, professore di Diritto costituzionale alla Scuola superiore di Studi universitari S. Anna di Pisa e Luca Serianni, professore di Storia della Lingua italiana all’Università di Roma La Sapienza coordinati da Enrico Martinet, giornalista de “La Stampa”.

Nell’anno delle celebrazioni per il 70° Anniversario della Costituzione Italiana, questo progetto vuole tracciare un percorso simbolico tra la nascita della Repubblica e i nostri giorni, creando uno spazio rappresentativo e aperto alla cittadinanza.

aostaminoranze linguisticheviaggio della costituzione

altrenews

Human Plus. La regata del XII Spencer Day
Qui in Spencer & Lewis crediamo nello Human Plus e costruiamo il…
Scopri di più
Kozel arriva in Italia:
Tradizione, ospitalità e collaborazione i valori di Kozel La birra ceca più…
Scopri di più