Skip to main content

Brunello 2.0: il Consorzio di Montalcino punta sul web

Brunello 2.0: il Consorzio di Montalcino punta sul web

Oltre 16 mila fan sul popolare social media, una pagina su Twitter e una carta d’identità elettronica

Montalcino, 6 aprile 2010 – Nell’era digitale ancheconsorzio il vino riscopre l’importanza del web 2.0. A trainare questo trend, il Consorzio del Vino Brunello di Montalcino che, con la sua pagina ufficiale su Facebook, aggiorna costantemente gli oltre 16 mila fan che ne seguono attività e appuntamenti. (altro…)

Un fumetto giapponese per il Brunello di Montalcino

Un fumetto giapponese per il Brunello di Montalcino

consorzio

Gli autori di “The Drops of God”, popolare manga sul mondo del vino, hanno realizzato la piastrella celebrativa del Brunello 2009, annata che conquista le 4 stelle.

Montalcino, 20 febbraio 2010 – A celebrare il Brunello di Montalcino, quest’anno ci ha pensato il Giappone. Gli autori di “The Drops of God” (Le gocce di Dio), un popolarissimo fumetto manga giapponese che parla di vino, hanno realizzato, infatti, la piastrella celebrativa del Brunello di Montalcino 2009. (altro…)

Il Brunello di Montalcino presenta l’annata 2005 e i dati di mercato

Brunello di Montalcino: raccolto oggi il primo grappolo di Sangiovese 1

consorzioDebutto ufficiale il 19 e 20 febbraio a Montalcino con “Benvenuto Brunello”, evento di presentazione per la stampa e gli operatori del settore.

Montalcino, 16 febbraio 2010 – Cresce, tra gli appassionati e gli operatori del settore, l’attesa per il Brunello di Montalcino 2005. <<E’ stata una vendemmia di buon livello – ha spiegato il Presidente del Consorzio del Vino Brunello di Montalcino Patrizio Cencioninonostante le quantità di uve raccolte e vinificate abbiano registrato una contrazione del 15% rispetto al 2004>>. (altro…)

Made in Italy: il vino tiene la crisi e conquista gli Usa

Made in Italy: il vino tiene la crisi e conquista gli Usa

wine-masterBrunello di Montalcino, Chianti Classico, Nobile di Montepulciano e Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore insieme per potenziare l’importante mercato degli States. Sono gli Stati Uniti a trainare la crescita delle esportazioni italiane all’estero

A Natale, l’export agroalimentare made in Italy toccherà i 2 mld di euro, per una crescita doppia rispetto ai valori di 10 anni fa (Fonte: Federalimentare). Spumante, panettone, pasta fresca ma soprattutto vino, che negli anni continua a far crescere i dati relativi alle esportazioni, nonostante la crisi. (altro…)

Brunello di Montalcino: un Natale di-Vino e una carta d’Identità elettronica

Brunello di Montalcino: un Natale di-Vino e una carta d'Identità elettronica

consorzioDati incoraggianti e previsioni ottimistiche per le vendite durante le festività. Il Consorzio di Montalcino, è tra i primi in Italia a dotarsi di un sistema completo di tracciabilità, utilizzabile sia tramite internet sia con il telefono cellulare.

Montalcino, 17 dicembre 2009 – Per 2 italiani su 5 è il vino il regalo più gettonato per questo Natale. Dati confermati anche dall’ultima indagine Format-Confcommercio, secondo la quale tra gli articoli che saranno acquistati di più spiccano i capi di abbigliamento (70,5%), i libri (63,2%), i generi alimentari (56,7%), il vino (40,9%), gli articoli sportivi (35,4%), Cd e Dvd (33,9%). (altro…)

Le tre grandi DOCG toscane alla volta della Svizzera

Le tre grandi DOCG toscane alla volta della Svizzera 1

Brunello di Montalcino, Chianti Classico e Vino Nobile di Montepulciano insieme protagonisti di una giornata di degustazione rivolta ad operatori del settore, giornalisti e consumatori. Il 16 novembre “I Tre Maestri Toscani” volano a Zurigo per presentare i propri vini.

maestri_toscani

Firenze, 12 novembre 2009 – Sarà un autunno internazionale quello che si apprestano a vivere le tre importanti Docg toscane, Brunello di Montalcino, Chianti Classico e Vino Nobile di Montepulciano. Queste prestigiose denominazioni uniscono infatti le forze in vista del loro primo impegno comune nell’ambito del progetto “The Three Tuscan Masters”. Il prossimo 16 novembre i tre grandi vini saranno protagonisti a Zurigo, presso il ristorante Lake Side, dove si svolgerà una giornata di degustazione aperta agli operatori svizzeri. Obiettivo dell’evento è proprio quello di rafforzare e sottolineare l’identità di tre vini che godono di un elevatissima considerazione sul mercato europeo ed internazionale, dando rilievo alle peculiarità di ciascuna Docg e, contemporaneamente, al valore che le accomuna: l’elevata qualità del prodotto.

[tweetsearch q=”docg” result_type=”recent” limit=3]

Oltre 100 produttori in rappresentanza delle tre denominazioni toscane saranno al centro della degustazione aperta agli operatori del settore, alla stampa specializzata ed al pubblico.I partecipanti avranno l’opportunità di assaggiare le ultime annate in commercio di Brunello di Montalcino, Chianti Classico e Vino Nobile di Montepulciano. Il programma dell’evento prevede inoltre dei seminari (uno per la stampa, uno per gli operatori ed un terzo per i consumatori finali) guidati dal giornalista elvetico Christian Eder, nota firma della stampa internazionale di settore, durante i quali sarà degustata e commentata una selezione di vini delle tre denominazioni. Eder illustrerà le peculiarità e le differenze proprie di ciascun vino insieme alle caratteristiche delle tre zone toscane a vocazione vitivinicola e delle diverse annate in commercio.

Sarà questa una grande occasione anche per far aumentare la conoscenza dei tre vini nel mercato elvetico che ha da sempre rappresentato una piazza eccellente, soprattutto per la posizione strategica che la Svizzera ha nei confronti degli altri paesi dell’Europa continentale, Germania in testa. Nel 2008 proprio la Svizzera ha rappresentato una buona fetta dell’export di vino toscano. Le esportazioni restano un elemento di forza per le tre denominazioni che negli ultimi anni, nonostante la crisi che ha investito i diversi comparti dell’economia del nostro paese, hanno assistito ad un incremento delle vendite all’estero in particolare verso i paesi mitteleuropei, gli Stati Uniti ed i “mercati emergenti” asiatici.

Brunello di Montalcino: raccolto oggi il primo grappolo di Sangiovese

Brunello di Montalcino: raccolto oggi il primo grappolo di Sangiovese 1

Ottime anche le previsioni per la produzione di Rosso di Montalcino, Sant’Antimo e Moscadello di Montalcino

Montalcino, 22 settembre 2009 – Sono iniziate oggi le operazioni di raccolta delle uve per il Brunello di Montalcino dell’annata 2009. La vendemmia del Sangiovese è cominciata nella zona Sud del territorio, dove la maturazione ha già raggiunto il livello ottimale.

La qualità delle uve è molto elevata e le aspettative sono per un’annata di ottimo livello qualitativo. L’andamento meteorologico dell’annata 2009 si è sviluppato in due fasi distinte, ma che si sono ben integrate fra loro.

Nella prima fase, si è registrato un clima con molti giorni di pioggia e, quindi, con elevato accumulo di riserve idriche nel terreno. Si tratta del periodo primaverile, che coincide con l’inizio dello sviluppo vegetativo della vite. Questa fase piuttosto piovosa si è prolungata più di quanto avviene normalmente, fino alla metà di luglio.

Nel secondo periodo, quello estivo, il clima è stato molto asciutto e caldo. Sono risultate molto utili, dunque, le riserve idriche accumulate nella prima fase. La maturazione è migliorata a partire dalla metà del mese di agosto tenendo un andamento regolare, come dimostrato anche dai dati analitici raccolti dal Consorzio. Le gradazioni alcoliche potenziali delle uve sono piuttosto elevate, ma con ottimali livelli di acidità totale e di estratti. Di grande spessore ed equilibrio la carica dei polifenoli.

[tweetsearch q=”brunello di montalcino” result_type=”recent” limit=3]

Anche le uve per la produzione del Rosso di Montalcino, la cui raccolta si sviluppa in parallelo a quella del Brunello, risultano di ottima qualità. Uve molto buone anche per il Sant’Antimo, sia quelle a maturazione più precoce, già raccolte, sia quelle più tardive. In fase di raccolta, infine, le uve moscato che daranno vita a degli ottimi Moscadello di Montalcino, sia per le tipologie Tranquillo e Frizzante, sia per la Vendemmia Tardiva.

Buone previsioni anche per le quantità, per le quali si attende un livello simile a quello del 2008, con una probabile lieve diminuzione in termini percentuali.

<<In questo momento di grande impegno – ha affermato il Presidente del Consorzio Patrizio Cencioniregistriamo con soddisfazione le previsioni per un’ottima vendemmia 2009, che potrà permetterci di mantenere la nostra forza sui mercati per continuare a proporre Montalcino, nel panorama internazionale, come un “classico assoluto” dell’enologia toscana e italiana>>.

Grande ottimismo, quindi, per la vendemmia 2009, anno durante il quale la zona di Montalcino ha affrontato con grande determinazione la situazione di crisi economica mondiale, che sta coinvolgendo tutte le realtà vitivinicole, sia del vecchio mondo, sia dei nuovi paesi produttori.

Ma i dati rilevati danno delle indicazioni confortanti: al 31 agosto è stata registrata la cessione di 5.800.000 fascette per il Brunello di Montalcino, contro le 5.500.000 dello stesso periodo del 2008, per un aumento del 5%. Lo sforzo dei produttori, quindi, sta dando risultati positivi e si stanno mantenendo le posizioni acquisite.