Skip to main content

Sanità integrativa in busta paga per i dipendenti pubblici: al via la nuova convenzione tra Aglea Salus e Mef

Spot Lancio - Aglea Salus 8

Aglea Salus 2-01-01Accesso facilitato ai servizi di assistenza sanitaria integrativa per i lavoratori del pubblico impiego. E’ il frutto dell’accordo siglato tra la Società Generale di Mutuo Soccorso Aglea Salus e il Ministero dell’Economia e delle Finanze, Dipartimento degli Affari Generali, del Personale e dei Servizi.

La Convenzione consente a tutti i dipendenti del comparto pubblico che sottoscrivono il sussidio di delegare all’Amministrazione dalla quale dipendono il versamento della quota associativa a loro carico, che avverrà tramite trattenuta in busta paga.

Si tratta di una soluzione innovativa sia sotto il profilo tecnologico, sia sotto il profilo sociale, che semplifica a milioni di persone l’accesso ai servizi di sanità integrativa attraverso la gestione automatizzata delle richieste del singolo dipendente – commenta Filippo Buono, Presidente di Aglea Salus – La convenzione con il MEF arriva in risposta alle necessità di un intero settore professionale e in un periodo in cui, allo stato attuale del Sistema Sanitario Nazionale e delle criticità presenti in generale nel comparto pubblico, si pone l’obiettivo di sostenere le esigenze medico-sanitarie dei dipendenti della Pubblica Amministrazione, con la fiducia che questa iniziativa rappresenti il battistrada per un percorso virtuoso di collaborazione tra imprese e attori della sanità privata, nell’interesse principale del diritto alla salute dei lavoratori.” 

La convenzione, valida fino al 2019, si rivolge al personale degli enti amministrati da NoiPA, il sistema informativo realizzato per gestire i dati dei dipendenti e assicurare la presa in carico del trattamento economico del personale centrale e periferico della Pubblica Amministrazione.

Sport e Salute: Aglea Salus e Acsi insieme per promuovere la cultura della prevenzione sanitaria

Sport e Salute: Aglea Salus e Acsi insieme per promuovere la cultura della prevenzione sanitaria

Accordo Aglea AcsiNessuno, più di uno sportivo, conosce l’importanza del gioco di squadra. La squadra giusta è composta da compagni che condividono lo stesso obiettivo e giocano insieme con determinazione per raggiungerlo. L’obiettivo, in questo caso, è quello di diffondere la cultura della prevenzione sanitaria. A formare la squadra, la Società di Mutuo Soccorso guidata dal Presidente Filippo Buono e ACSI, l’Ente di Promozione Sportiva rappresentata da Antonino Viti.

Grazie a questa partnership, i soci iscritti ACSI avranno accesso ad uno specifico set di prestazioni esclusive, per single e nucleo familiare, a partire dalla copertura delle spese per il rilascio del certicato medico. Il sussidio si chiama ACSI Salus e garantisce la possibilità di aderire ad un servizio di assistenza sanitaria integrativa studiato su misura per chi fa sport.

È necessario investire in percorsi che diano valore alla qualità della vita delle persone, rispondendo ad esigenze nuove, nate dall’evolversi di un sistema socioculturale che vuole tornare a guardare alla salute come priorità assoluta – ha dichiarato Filippo Buono, Presidente di Aglea SalusL’accordo con ACSI si inserisce in questo progetto di tutela e di diffusione delle buone pratiche in fatto di benessere fisico e prevenzione. La Salute e lo Sport si intrecciano in un legame indissolubile, ma in questo caso crediamo che questo accordo sia ancora più importante, perché costituisce il segno di un cambiamento ormai in atto in più settori della vita professionale e personale degli italiani.”

Il progetto avviato mira alla sensibilizzazione verso un corretto regime alimentare, una vita sana e un frequente esercizio fisico, soprattutto alla luce degli ultimi dati Istat, secondo cui sono ancora diffusi stili di vita non virtuosi come la sedentarietà (4 italiani su 10) l’obesità (quasi 5 su 10) e la drastica riduzione del consumo di frutta e verdura (oltre 8 su 10).

“I recenti provvedimenti che stanno interessando il Servizio Sanitario Nazionale preoccupano, tra gli altri, anche chi pratica sport, poiché più esposti a infortuni e di conseguenza particolarmente attenti ai modelli di copertura presenti sul mercato – ha commentato Antonino Viti, Presidente Nazionale di ACSI – Ci leghiamo ad Aglea Salus con una partnership che rappresenta sicuramente un valore aggiunto per i nostri associati, oltre che un unicum nel settore. La sanità integrativa all’estero è ormai una realtà concreta anche per gli sportivi, in Italia saranno ACSI e Aglea Salus ad aprire un varco importante, mettendo a punto un sussidio che comprende prestazioni mai elaborate o offerte in nessun altro settore associativo. Partiamo da questa consapevolezza – ha concluso Vitiper avviare un circuito di iniziative e proposte con le quali accendere i riflettori, oltre che sul prezioso rapporto tra Sport e Salute, anche sul contributo importante che può arrivare dalla Mutualità laddove il servizio pubblico fatica di più, anche questo è gioco di squadra.”

ACSI proporrà ai propri soci un servizio innovativo e del tutto inedito per il mercato attuale: oltre alle spese per il rilascio del certificato medico, ACSI Salus coprirà, infatti, anche i costi per trattamenti fisioterapici, alta diagnostica, visite e accertamenti. Una proposta mirata a dare nuova considerazione a una categoria, quella degli sportivi, che non sempre si trova ad avere risposte adeguate ai propri bisogni.

Sanità integrativa: siglato l’accordo tra Aglea Salus e Coisp per l’erogazione di sussidi sanitari agli iscritti al sindacato di Polizia

Servizi di Comunicazione

Aglea Salus 2-01-01La Segreteria Provinciale di Roma del Coordinamento per l’Indipendenza Sindacale delle Forze di Polizia (COISP) ha siglato una convenzione che garantirà una copertura sanitaria integrativa ai propri iscritti. A mettere a punto i sussidi studiati per le esigenze della categoria, la Società di Mutuo Soccorso Aglea Salus, con la quale il COISP si è legato avviando un percorso che mira a diffondere la cultura della prevenzione sanitaria, considerata da entrambi i firmatari un elemento fondamentale cui puntare per il miglioramento della qualità di vita delle persone.

A stringere l’accordo, il Presidente di Aglea Salus, Filippo Buono, e il Segretario Generale Aggiunto del Coisp, Domenico Pianese:

Abbiamo deciso di intraprendere questa collaborazione con Aglea Salus per rispondere al divario esistente tra le prestazioni del Servizio Sanitario Nazionale e il regime di assistenza garantito dal comparto privato della sanità integrativa – ha commentato Pianese a margine della stipula della convenzione – Si tratta di un accordo che possiamo definire rivoluzionario, sia per i costi sia per i servizi che comprende. Per questo motivo sono molto soddisfatto dell’accordo, con il quale puntiamo a rafforzare il nostro supporto agli iscritti Coisp, incrementandone il grado di tutela della salute.”

La convenzione permetterà agli aderenti l’accesso a servizi che comprendono la copertura delle spese sostenute per accertamenti diagnostici, assistenza medica, trattamenti fisioterapici e rieducativi legati al ricovero ospedaliero con o senza intervento. Sarà inoltre possibile richiedere il rimborso delle spese per visite mediche specialistiche ed accertamenti in caso di malattia o di infortunio.

Le Forze di Polizia costituiscono una categoria professionale che, come ogni settore, necessita di specifiche formule di assistenza, rispondenti ad esigenze legate al particolare ambito operativo – ha aggiunto BuonoQuesta convenzione è il frutto di una visione condivisa con il Coisp in materia di assistenza e prevenzione, ma anche una soluzione che vuole inserirsi con competenza in un contesto socio-culturale ed economico profondamente mutato negli ultimi anni, influenzando il sorgere di nuovi bisogni di copertura sanitaria a livello individuale e familiare. La partnership con Coisp – ha concluso Buono è, dunque, segno di una rinnovata attenzione al ruolo strategico che la mutualità e la sussidiarietà possono svolgere anche in Italia a supporto del benessere dei lavoratori.”