Skip to main content

Out Of Home: Urban Vision chiude con un +81% il bilancio del 2015

Out Of Home: Urban Vision chiude con un +81% il bilancio del 2015

Il management - Daniela Valenza, Vice Presidente; Fabio Mazzoni, A.D. e Gianluca De Marchi, PresidenteDa 10.911.946€ di fatturato nel 2014 a 19.850.585€ nel 2015, con un EBIT di 1.780,991€, cresciuto del 155% rispetto all’anno precedente ed un ROE del 67,8%. Sono questi i numeri del bilancio più che positivo depositato da Urban Vision nel mese di giugno, il giro di boa di un 2016 altrettanto ricco e promettente per il presente e per il futuro della società leader nel campo dei restauri sponsorizzati, guidata da Gianluca De Marchi.

Una crescita rilevante che, sebbene trainata dalla progressiva ripresa dell’Outdoor Advertising+9,7% di investimenti nel quadrimestre gennaio-aprile 2016 (Nielsen & AudiOutdoor) – è caratterizzata da una consolidata maturità e consapevolezza dell’azienda, impegnata in progetti di fund raising e restauri sponsorizzati, iniziative di social responsibility e campagne cross-mediali originali e innovative, una su tutte la comunicazione del prestigioso progetto di restauro del Ponte di Rialto a Venezia.

E’ un traguardo frutto di sacrificio da parte dell’intero team e di scelte che, nel corso dell’anno passato, si sono rivelate vincenti in termini di offerta e creatività – ha commentato Fabio Mazzoni, Amministratore Delegato di Urban Vision Le performances dell’azienda sono migliorate di pari passo con le nostre competenze di business che, unitamente ad un’attenta gestione dei costi, ci hanno permesso di raggiungere questi risultati. Chiudere il 2015 con il segno più e un utile netto di quasi un milione di euro ci stimola a fare ancora meglio nel 2016, anno in cui prevediamo di superare i 30 milioni di fatturato e puntiamo a consolidare la posizione che negli anni ci siamo guadagnati in Italia e all’estero.”

Da tempo, infatti, la società ha spostato lo sguardo oltre i confini nazionali, approdando sul mercato inglese ed esportando il brand Urban Vision come modello di originalità, know how e innovazione made in Italy.

“I numeri incorniciano un eccellente anno per noi e confermano l’OOH non solo come mercato vivo che raccoglie la fiducia dei brand e delle aziende, ma come risorsa preziosa in termini di indotto e di occupazione, soprattutto se legato al restauro sponsorizzato – osserva Gianluca De Marchi, Presidente di Urban Vision – La nostra rapida crescita è dovuta principalmente all’aver saputo intercettare un bisogno sempre più urgente in Italia, quello di mettere insieme pubblico e privato nella tutela e nel mantenimento dei tesori artistici nazionali, dando vita ad un modello economico che ha ricadute sia occupazionali, poiché mette in campo nuove professionalità, sia sociali, perché restituisce ai cittadini un patrimonio che è massima espressione della nostra identità culturale e fonte inestimabile per il rilancio del Paese, dal punto di vista dell’appeal internazionale per turisti e investitori esteri.”

Non è un caso, dunque, se tra gli impegni del prossimo semestre c’è proprio quello di allargare ulteriormente l’ambito operativo e concentrarsi sul recupero del patrimonio architettonico e artistico attraverso il fund raising non vincolato all’esposizione pubblicitaria, con l‘ausilio di progetti di comunicazione innovativi e multimediali; una strada intrapresa già da tempo e confermata durante uno degli ultimi appuntamenti organizzati dalla società in collaborazione con Earth Day Italia: il faccia a faccia tra il Cardinal Gianfranco Ravasi, Presidente del Pontificio Consiglio della Cultura, e l’Onorevole Dario Franceschini, Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e Del Turismo, tenutosi lo scorso 21 maggio in Vaticano.

“VITE CORAGGIOSE”: URBAN VISION CON FONDAZIONE BAMBINO GESÙ PER LA CAMPAGNA CONTRO LE MALATTIE RARE

“VITE CORAGGIOSE”: URBAN VISION CON FONDAZIONE BAMBINO GESÙ PER LA CAMPAGNA CONTRO LE MALATTIE RARE

La maxi affissione di Urban Vision presente in Piazza del Parlamento per promuovere la campagna di crowdfunding lanciata da Fondazione Bambino Gesù-min

 

Prosegue la raccolta fondi in favore dei bambini affetti da malattie rare (in Italia quasi il 60% dei casi). A sostegno della call to action anche Urban Vision, con una maxi-affissione concessa gratuitamente per veicolare l’iniziativa a Roma

Roma, 21 giugno 2016 – Ne soffrono quasi 2 milioni di persone in tutta Italia, il 60% è rappresentato da bambini e in oltre l’80% dei casi la malattia è geneticamente determinata (Iss). I dati riportano il quadro dei malati rari del Paese, tra questi il 5% è diagnosticato e preso in carico dall’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, che annualmente accoglie 10.000 pazienti rari. Nasce da qui la campagna “Vite Coraggiose”, lanciata dalla Fondazione Bambino Gesù in occasione del Giubileo straordinario della Misericordia indetto da Papa Francesco.

«Ringraziamo Urban Vision – dichiara la presidente della Fondazione Bambino Gesù Onlus e dell’Ospedale della Santa Sede, Mariella Enoc – che ci permette di raccontare la nostra campagna di comunicazione sociale ad un pubblico più ampio. Le Vite Coraggiose sono quelle dei piccoli pazienti affetti da malattie rare e ultra-rare, spesso privi di diagnosi oltre che di cura, che combattono tenacemente per affermare il loro diritto alla vita. Ma il coraggio è anche quello delle loro mamme e dei loro papà, che lottano per il futuro dei propri bambini. Lo stesso messo in campo da medici, infermieri e ricercatori: sempre in prima linea per scoprire nuove cure e fornire la migliore assistenza ai nostri bambini. La strada della cura passa necessariamente attraverso la ricerca scientifica, che con questa campagna vogliamo sostenere.»

Un progetto che non ha lasciato indifferente Urban Vision, società attiva nel settore del fund raising finalizzato al recupero dei tesori dell’arte italiana e spesso impegnata in campagne di sensibilizzazione e solidarietà. La società ha voluto dare maggior risalto e visibilità a “Vite Coraggiose” ospitandone gratuitamente la creatività su una maxi-affissione a Roma, in Piazza del Parlamento.

Vogliamo dare il nostro contributo a questa importante causa – ha commentato Gianluca De Marchi, Presidente di Urban Visionnon soltanto perché concerne un tema delicato e spesso poco dibattuto, ma perché ciò riguarda molto da vicino migliaia di bambini che potrebbero godere di cure migliori e terapie speciali grazie a un maggiore sostegno economico. Da ‘curatori’ del patrimonio artistico italiano ci sentiamo onorati di mettere i nostri mezzi a disposizione di coloro che potremmo definire ‘curatori’ del patrimonio umano.”    

Urban Vision si unisce dunque all’appello volto a migliorare il futuro di milioni di malati rari sostenendo la ricerca. Tutte le informazioni sulla campagna e sulle modalità di adesione sono disponibili sul sito ufficiale del progetto: www.donaora.it.

Urban Vision con For a Smile a Milano per la raccolta fondi in favore dei bambini a rischio povertà in Italia

Urban Vision con For a Smile a Milano per la raccolta fondi in favore dei bambini a rischio povertà in Italia

C'è tempo fino al 14 febbraio per rispondere all'appello della Onlus inviando un sms al 45594

Al via la seconda edizione del progetto rivolto a migliorare il destino di migliaia di bambini a rischio povertà in Italia. Dopo il successo dell’esordio – che ha permesso di raccogliere fondi per attivare 1.000 Bonus nel 2015 – la campagna di comunicazione sociale con cui For a Smile Onlus invita a donare 2€ tramite SMS solidale torna on air in tv, in radio, sulla stampa, sul web ma non solo. A promuovere l’iniziativa, infatti, anche il led screen presente in questi giorni a Milano, in Corso Como, su uno spazio concesso gratuitamente da Urban Vision, società attiva nel settore del fund raising finalizzato al recupero architettonico del patrimonio artistico italiano.

Il ricavato della campagna sarà destinato alle famiglie che ne faranno richiesta – secondo i criteri stabiliti dal Bando Nazionale pubblicato su www.forasmile.org – in forma di bonus solidale che servirà per l’acquisto di prodotti per la prima infanzia, medicine o per il pagamento della mensa scolastica.

I numeri della prima edizione hanno testimoniato che ognuno di noi, con un piccolo gesto, può dare un grande contributo a chi non può provvedere ai bisogni primari della propria famiglia. Per questo motivo – ha commentato Daniela Valenza, Vice Presidente di Urban Vision anche noi abbiamo deciso di sostenere con entusiasmo l’iniziativa e donare uno spazio nel centro di Milano con il quale dare ancora più visibilità al progetto. L’augurio è che questa preziosa collaborazione con For a Smile Onlus possa servire a richiamare il senso di solidarietà dei cittadini milanesi con lo scopo finale di bissare o, meglio, di superare il traguardo raggiunto lo scorso anno.

A rinnovare l’appello di For a Smile Onlus, anche la Presidente e fondatrice dell’organizzazione, Ludovica Vanni:

Sono quasi 1,4 milioni i bambini da 0 a 10 anni a rischio povertà nel nostro Paese (Istat, 2013), cifra che in questi anni non è mai scesa; una enorme fetta di popolazione vive nell’emarginazione sociale derivante dalle gravi difficoltà economiche. L’anno scorso siamo riusciti a raccogliere 150.000€, ma possiamo fare ancora tanto per aiutare migliaia di famiglie in stato di necessità. L’omaggio di Urban Vision ci ha fornito uno strumento in più per sensibilizzare l’opinione pubblica e fare un ulteriore passo in avanti verso l’obiettivo del progetto.”

Testimonial della campagna, la giornalista e conduttrice del TG5 Paola Rivetta, volto e voce degli spot tv e radio. Per sostenere l’impegno di For a Smile Onlus, fino al 14 febbraio è sufficiente mandare un SMS al numero 45594 da rete mobile per donare 2€, da rete fissa per donare 2 o 5€.

A Roma la campagna della CRI in collaborazione con Urban Vision

A Roma la campagna della CRI in collaborazione con Urban Vision

Affissione campagna CRIsitosl In + ci sei tu è la campagna di reclutamento della Croce Rossa Italiana che dal 1 agosto campeggia in uno dei luoghi più prestigiosi di Roma, tra Piazza Navona e Campo de’ Fiori, in uno spazio concesso gratuitamente da Urban Vision, eccellenza nel settore del fund raising finalizzato al recupero architettonico del patrimonio artistico italiano.

La campagna “In + ci sei tu” costituisce un’importante azione di sensibilizzazione e coinvolgimento rivolta alle giovani generazioni italiane, con lo scopo di trasmettere i valori e l’importanza della figura del volontario. Un’iniziativa che non ha lasciato indifferente Urban Vision, da anni capofila nel recupero dei monumenti ed edifici storici che caratterizzano i tesori dell’arte nazionale. Da un lato, quindi, una campagna votata a migliorare il futuro di moltissime persone attraverso l’attività di volontariato; dall’altro, invece, un brand impegnato da anni nella valorizzazione del passato artistico del Paese. Una preziosa sinergia sulla quale il Presidente di Urban Vision, Gianluca De Marchi, ha voluto esprimere il suo entusiasmo:

E’ un onore ospitare e dar voce alla campagna della Croce Rossa Italiana e in particolar modo a questa campagna di invito all’impegno sociale rivolto alle giovani generazioni, in cui crediamo molto. Ci auguriamo – ha sottolineato De Marchiche la risposta a quest’appello, da parte di ragazze e ragazzi italiani, sia importante ed entusiastica e che quest’occasione, per cui ringrazio il Presidente Rocca, sia la prima di una lunga serie di collaborazioni con la Croce Rossa Italiana.”

Nel 2014 la Croce Rossa Italiana ha garantito il proprio servizio nell’accoglienza ai migranti che sono arrivati sulle nostre coste, fino al sostegno alle famiglie in difficoltà economica, passando per l’intervento nelle emergenze nazionali e internazionali, come l’alluvione in Liguria e la missione nel Kurdistan iracheno, oltre alle numerose attività che quotidianamente vengono messe in campo per aiutare i vulnerabili e per promuovere una cultura della salute e della prevenzione.

Siamo grati a Urban Vision per aver deciso di offrire questa importante opportunità alla nostra campagna pensata per rinnovare l’immagine dell’Associazione e per rimettere al centro il nostro volontariato – ha detto il Presidente della Croce Rossa Italiana, Francesco RoccaLa Croce Rossa può contare ogni anno su una rete di 150mila volontari che, da Catania ad Aosta, mettono le proprie vite al servizio degli altri. Solo nel 2014 complessivamente sono state 14,7 milioni le ore di servizio prestato per fronteggiare vecchie e nuove sfide con l’assillo dell’umanità, che è uno dei nostri sette princìpi. Loro sono la nostra ricchezza, la nostra marcia in più, simbolo non di un semplice altruismo, ma di una solidarietà preparata e formata, in grado di comprendere la complessità sociale con la volontà reale e ferma d’impegnarsi per il bene comune”.