Skip to main content

Expo 2015, Olimpia Agency una partnership per l’innovazione nell’agroalimentare

Expo 2015, Olimpia Agency una partnership per l'innovazione nell'agroalimentare

Olimpia Agency Expo 2015L’agenzia di sottoscrizione ufficializza il suo sostegno a cinque progetti per l’innovazione tecnologica in Puglia del valore di 43 milioni di euro. I risultati saranno diffusi nel 2015 all’Esposizione Universale (Expo 2015)

Dare il via a cinque grandi progetti per l’innovazione tecnologica in ambito agroalimentare, del valore complessivo di 43 milioni di euro parzialmente finanziati dal Miur e in grado di coivolgere le 4 università pubbliche della Puglia e una rete di oltre 60 imprese dell’agroalimentare pugliese. E’ questo l’obiettivo della partnership strategica raggiunta dall’agenzia di sottoscrizione Olimpia Agency e il Distretto Agroalimentare Regionale (D.A.Re. Puglia), la società consortile pugliese che gestirà la ricerca.

Sicurezza alimentare, packaging innovativo, processi di produzione ecosostenibili, validazione di alimenti funzionali. Sono solo alcuni dei temi che lo staff di D.A.Re. Puglia punta a sviluppare entro il 2015, quando i risultati, di grande prospettiva per l’intero comparto, saranno presentati all’Expo 2015 di Milano, organizzato proprio attorno al tema dell’innovazione nel settore alimentare.

I progetti, tutti e cinque classificati per la Puglia nelle prime sette posizioni della graduatoria emanata nel 2012 dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca saranno finanziati per 34 milioni di euro dal Miur. Ben il 50% dei fondi saranno erogati in anticipo, in virtù della partnership con Olimpia Agency che prevede polizze cauzioni del valore totale di 17 milioni di euro.

Si tratta dei cinque migliori progetti in quest’ambito e siamo onorati di sostenere una società giovane e di valore – ha spiegato Alessandro Di Virgilio, amministratore unico di Olimpia Agency Segno che il nostro paese è ancora in grado di innovare e crescere. Il sostegno alle idee e al lavoro di società d’eccellenza nel settore della ricerca e dello sviluppo è uno dei valori fondanti del nostro business. Olimpia Agency, grazie all’apporto imprescindibile di Elite Insurance Company e dei suoi riassicuratori, continuerà a supportare le idee valide e l’innovazione, spinti dalla voglia di far ripartire la formazione e la ricerca in Italia”.

La partnership è stata raggiunta lo scorso giugno, dopo alcuni mesi di trattative che hanno coinvolto i responsabili del Distretto tecnologico D.A.Re., il presidente Gianluca Nardone, il direttore generale Antonio Pepe e Luigi Flaviani, responsabile per Olimpia Agency dell’Area Adriatica.

Nel dettaglio, i progetti verteranno su azioni e temi di grande prospettiva per il settore: dalla validazione di protocolli tecnologici e clinici per la produzione di alimenti funzionali, a soluzioni di packaging per il prolungamento della shelf-life degli alimenti in grado di garantire una conservazione più duratura e di permettere l’esportazione a lungo raggio; dai nuovi strumenti per il miglioramento della sicurezza alimentare, allo sviluppo di prodotti alimentari innovativi mediante soluzioni biotecnologiche, impiantistiche e tecnologiche, nonché alla promozione di processi ecosostenibili per la valorizzazione delle produzioni agroalimentari pugliesi.

EXPO2015: CONFIMPRESE TURISMO, SARNELLA “TRAMPOLINO PER SVILUPPO”

EXPO2015: CONFIMPRESE TURISMO, SARNELLA "TRAMPOLINO PER SVILUPPO"

expo2015

Coinvolti anche i Sindaci dell’Alto Lazio in vista dell’istituzione di un Polo turistico dedicato.

La proposta di Sarnella arriva a margine dell’incontro di Unioncamere Lazio. Già stabiliti i primi contatti con una delegazione dell’Azerbaigian al fine di tracciare le linee guida per una collaborazione tra le imprese del Lazio e la Repubblica azera.

Una sinergia tra i diversi attori del turismo in vista dell’Expo 2015, capace di proseguire nel tempo all’interno di un progetto integrato per lo sviluppo del turismo nazionale e locale. E’ questa la proposta lanciata da Giuseppe Sarnella, Presidente di Confimprese Turismo Italia, Confapi Turismo Lazio e di Acanthus S.p.A., in seguito al Tavolo tecnico delle imprese del turismo integrato di Unioncamere Lazio al quale ha partecipato, insieme a Guido D’Amico, Presidente di Confimprese Italia, per discutere una strategia comune per l’Esposizione Universale di Milano. expo2015 expo2015

Nell’ultimo anno, abbiamo promosso numerose iniziative di sviluppo per il settore turistico tra cui l’accordo con il Gruppo Accor per l’apertura di La Griffe Roma MGallery Collection  – ha commentato Giuseppe SarnellaE’ necessario proseguire lungo questo percorso con sempre maggior forza fino al 2015, con il rafforzamento dei legami con l’estero e il potenziamento delle sinergie già esistenti a livello locale. L’Expo2015 non deve essere un punto d’arrivo, ma un trampolino di lancio per lo sviluppo internazionale delle nostre realtà turistiche locali. Serve mettere in moto al più presto partnership internazionali durature, a più ampio termine possibile”.
[tweetsearch q=”Expo 2015″ result_type=”recent” limit=3]

Una direzione che Confimprese Turismo Italia ha scelto di seguire da tempo. Dopo il progetto di creazione di una Camera di Commercio unitaria tra l’Italia e le tre repubbliche baltiche avviata ad aprile per rafforzare i commerci e le opportunità di crescita, Confimprese Turismo Lazio aggiunge un altro tassello al processo messo in atto verso una più grande internazionalizzazione del turismo laziale.

Il presidente Giuseppe Sarnella ha, infatti, già stabilito i primi contatti con una delegazione dell’Azerbaigian, al fine di costruire nuove proficue attività di sviluppo per il settore e per l’espansione del gruppo Accor. L’incontro, che si è tenuto all’Hotel St. Regis di Roma, ha permesso di tracciare le prime linee guida per una collaborazione tra le imprese del Lazio e la Repubblica azera grazie al coinvolgimento, voluto dallo stesso Sarnella, dei Sindaci dell’Alto Lazio in vista dell’istituzione di un Polo turistico dedicato.

Le idee e i progetti che Italia e Azerbaigian possono attivare insieme rappresentano un’opportunità imprescindibile di sviluppo – ha concluso Giuseppe Sarnella Gli accordi internazionali devono essere la via maestra per arginare le difficoltà economiche attuali e concludere un percorso di successo per tutto il settore”.